ricerca il tuo profilo
Seguo News
A+
A
A-
Bimbo di Mussomeli perse la vita cadendo con la bici in un dirupo: scattano 14 condanne
Cronaca
visite3147

Bimbo di Mussomeli perse la vita cadendo con la bici in un dirupo: scattano 14 condanne

Salvatore Lomonaco morì il 6 giugno del 2007. Sono stati condannati ad un anno di reclusione gli abitanti di uno stabile

Redazione
09 Febbraio 2019 09:30

Tutti colpevoli per la morte di un bimbo di Mussomeli. Tutti e quattordici gli imputati, mentre un quindicesimo è deceduto. Esattamente come nei primi due processi che hanno già subito e che poi la Cassazione ha cancellato con un colpo di spugna per un vizio di forma legato alla fase del rinvio a giudizio. Non sono esenti da responsabilità e hanno rimediato un anno ciascuno. Così ha sentenziato il giudice nei loro confronti, condividendo, sostanzialmente, il teorema sostenuto dall’accusa e dalle parti civili.È il verdetto emesso ieri dal giudice Valentina Balbo al processo per la morte del piccolo Salvatore Lomonaco di 8 anni, che poco meno di una dozzina di anni fa ha perso la vita cadendo con la bicicletta in un dirupo. E sono stati chiamati in causa gli abitanti di uno stabile di quella zona di Mussomeli, via Bumarro, in cui v’erano lavori in corso e che è stata teatro della disgrazia.
Gli stessi adesso condannati a un anno ciascuno, con pena sospesa ma subordinata al pagamento della provvisionale, per omicidio colposo. Era di due anni la richiesta Pm Claudia Pasciuti. La lista comprende i nomi Enzo Marco Costanzo, Salvatore Morreale, Giovanni Giardina, Salvatore Romito, Vanessa Nobile, Maria Mistretta, Maria Carmela Sola, Adriano Navarra, Salvatore Nobile, Calogera Rossana Sofia Salamone, Salvina Amico, Salvatore Corbetto, Maria Nobile e Vincenzo Bonfante (difesi dagli avvocati Antonio Impellizzeri, Michele Ambra, Walter Tesauro e Rocco Guarnaccia ).
In più dovranno farsi carico delle spese processuali, oltre che sborsare una provvisionale di 120 mila euro e risarcire i danni alle parti civili, ruolo rivestito dai genitori del bambino, Giuseppe Lomonaco ed Enza La Greca (assistiti dall’avvocato Giuseppe Dacquì). Non luogo a procedere per un quindicesimo imputato che, nel frattempo, è deceduto.
È il quarto processo incentrato sulla tragedia di via Bumarro. Quella costata la vita del piccolo Salvatore che oggi sarebbe un ragazzo di vent’anni. Se solo quel maledetto pomeriggio del 6 giugno del 2007, il bimbo non fosse finito in fondo a un dirupo con la sua bici. E lì sotto v’era un masso contro cui ha battuto il capo. Per lui non c’è stato nulla da fare.
Ma dalla tragedia hanno poi tratto linfa strascichi giudiziari. Trascinando qualcosa come 23 nomi nel registro delle notizie di reato. Cinque di loro hanno poi preferito essere giudicati con il rito abbreviato e sono stati condannati, in via definitiva, a un anno. Altri 18 - tre dei quali assolti in primo grado e non appellati dalla procura - sono andati a giudizio. Ma dopo due processi - entrambi conclusi con condanne a un anno ciascuno e la non menzione – nel febbraio di tre anni fa la Cassazione ha azzerato tutto per un vizio di forma legato alla fase del rinvio a giudizio. Il decreto che lo disponeva non specificava il capo d’imputazione.  E due gradi di giudizio e sei anni di udienze sono finiti nel cestino. (Gds)

Padre e figli di Mussomeli morirono in un incidente, prosciolto il camionista
News Successiva
Mussomeli. Simulano la truffa dello specchietto ai danni di un anziano: denunciate due donne
Seguici su
Google News
Resta sempre aggiornato
con le notizie di Seguonews
Commenti
Bimbo di Mussomeli perse la vita cadendo con la bici in un dirupo: scattano 14 condanne
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.

Ti potrebbero interessare

Articoli simili

SeguoNews.it è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Caltanissetta n.235 del 07/06/2013 | P.Iva: 01910630852
.1
Realizzazione Siti web Caltanissetta