ricerca il tuo profilo
Seguo News
A+
A
A-
A Caltanissetta farmaco rivoluzionario per la cura della Sclerosi Multipla: già trattati i primi tre pazienti
Salute
visite172978

A Caltanissetta farmaco rivoluzionario per la cura della Sclerosi Multipla: già trattati i primi tre pazienti

"Festeggiamo questa settimana con una novità importante" – ha detto dal congresso di Pantelleria il primario del Sant'Elia Michele Vecchio

Rita Cinardi
28 Maggio 2019 12:55

Caltanissetta accoglie la settimana della Sclerosi Multipla con un nuovo farmaco che da due settimane viene già somministrato al reparto di Neurologia dell’ospedale Sant’Elia diretto da Michele Vecchio, centro Hub di riferimento per questo tipo di patologia. Si tratta dell’Ocrelizumab, farmaco di ultima generazione. Tre i pazienti che sono già stati sottoposti a trattamento che a breve interesserà altri utenti con due diversi tipi di Sclerosi Multipla fino a poco tempo fa non trattabile con farmaci specifici. A darne notizia, da Pantelleria è proprio il primario Vecchio, presidente regionale della Società Italiana di Neurologia e organizzatore del congresso che vede impegnati esperti di fama nazionale e internazionale. “Festeggiamo questa settimana con una novità importante – ha detto Michele Vecchio – perché finalmente abbiamo a disposizione l’ultimo farmaco in arrivo per la Sclerosi Multipla che è l’Ocrelizumab, un farmaco molto atteso dalla comunità scientifica e soprattutto dalla comunità delle persone che vivono la sclerosi multipla. Abbiamo già iniziato i primi tre trattamenti. E’ un farmaco che si somministra ogni 6 mesi. Garantisce efficacia, sicurezza (negli studi non sono stati evidenziati particolari effetti indesiderati), e che consente anche un’ottima qualità della vita dei pazienti. Passiamo infatti dalle terapie iniettive che si facevano ogni giorno, o tre volte alla settimana a questo farmaco che viene somministrato soltanto una volta ogni sei mesi. Nei mesi successivi alla somministrazione infatti il paziente non deve fare assolutamente nulla. Siamo stati tra i primi in Sicilia, questo grazie anche alla sensibilità del direttore generale dell’Asp di Caltanissetta Alessandro Caltagirone visto che è un farmaco molto costoso che incide parecchio sul bilancio. Questa trattamento investe due categorie di pazienti affetti da Sclerosi Multipla per le quali fino ad oggi non vi era alcun tipo di trattamento. Mi riferisco alla forma primariamente progressiva e alla forma secondariamente progressiva che adesso hanno in elezione la possibilità di utilizzo di questo farmaco. Per la cura di questi pazienti infatti non vi era un trattamento specifico e questo faceva sentire anche noi medici frustrati perché la malattia dopo la diagnosi cominciava ad evolvere determinando disabilità adesso questa è una situazione veramente rivoluzionaria”. La sclerosi multipla è una patologia che oggi colpisce ben 120 mila persone in tutta Italia. Ma come sottolineato dal dottore Vecchio oggi si può convivere con la malattia con un’aspettativa di vita più alta rispetto al passato. “Oggi non si muore di sclerosi multipla. L’obiettivo è quello di determinare qualità della vita ai nostri pazienti cioè evitare che la malattia progredisca, evitare che si formi infiammazione, evitare che si arrivi alla disabilità e fare in modo che chi è affetto da sclerosi multipla viva una vita quanto più possibile normale”. 

Congresso Pantelleria. Tedeschi: "6 milioni di italiani soffrono di emicrania. In commercio 4 molecole"
News Successiva
Sclerosi Multipla, il professore Comi da Pantelleria: "Trenta milioni di euro per lo studio delle fasi più avanzate"
Seguici su
Google News
Resta sempre aggiornato
con le notizie di Seguonews
Commenti
A Caltanissetta farmaco rivoluzionario per la cura della Sclerosi Multipla: già trattati i primi tre pazienti

Elvira ferrigno

Ho la sclerosi multipla secondariamente progressiva ed ho avuto una emorragia celebrare con conseguente emiparesi sinistra, non faccio alcuna terapia specifica, oltre al lioresal e al sativex, per la sclerosi dal 2003,anno dell'emorragia ,la sclerosi mi è stata diagnosticata nel 1993 e facevo l'interferone betaferon, che mi dava ottimi risultati, adesso sono troppo rigida anche nelle braccia ma non si riesce a capire quale delle malattie mi hanno ridotta così, quindi chiedo se è possibile partecipare a questo nuovo protocollo, io sono seguita al Federico II di Napoli. Vi prego rispondetemi, vorrei avere un po' di vita più serena. Grazie

Simona Santoro

Ho la sclerosi multipla secondaria progressiva dal 1992 con fortissima spasticità ,potrò avere qualche beneficio?

roberto

buongiorno mio figlio e affetto da sclerosi multipla porrei avere delle informazioni sul lindirizzo e il procedimento per provare questa nuova cura, sulla procedura per mettersi in lista , grazie

Rino Testaí

A mio figlio l'anno scorso anno diagnosticato la sm...assume il farmaco Rebif 44... questo primo anno è andata bene, non ha avuto nessun tipo di ricaduta, però l'occhio destro Ancona non riprendere a vedere..

Mentor

Anche io purtroppo mi a toccato a vivere con questa malattia terribile, l'unica speranza sono le cellule staminali che in Italia sono vietate, e bisogna andare al trove e spendere migliaia di euro, ecco cari amici e questa è Italia dove vogliono loro ci sono i soldi, a noi ci danno delle schifezze da ingoiare.

Follesa mario

Speriamo sia vero

Laura

Sono prossima ad iniziare Ocrelizumab sono affetta da sclerosi multipla dal 1999 speriamo bene che Dio ci aiuti tutti

Laura

Sono affetta da sclerosi multipla dal 1999 e a breve inizierò questa nuova cura che Dio me la mandi buona e protegga tutti noi

Nunziata Nastasi

Sono la sig. Nastasi Nunziata, sono sotto cura a milano al Sanraffaele e ho la sclerosi multipla secondaria progressiva e mi hanno detto che io non posso farla, vorrei che lei mi dica il motivo perchà© lei dice che di può fare. Cordialmente la ringraziò.

Tiziana

Negli ospedali milanesi viene somministrato gia' da mesi in pazienti idonei. Speriamo sia risolutivo!!!

Francesco

Sono almeno 10 anni che si conosce questo farmaco. Non si capisce perchà© non lo si vuole prescrivere e si continua ad insistere con terapie più tossiche della malattia stessa.

ViselliRossella

Sono 10 anni ad agosto che mi è stata diagnosticata la Sclerosi Multipla, primariamente progressiva. I primi 8 anni andavo avanti con farmaci non specifici xkà© non c'era niente,ma dalla scoperta dell'Ocrelizumab,sono stata inserita nel protocollo per l'infusione semestrale. Mi sento molto meglio nella deambulazione,equilibrio e resistenza nel portare avanti le azioni di vita quotidiana.L'ultima risonanza è sovrapponibile alla precedente,fatta in seguito alla prima infusione e non mostrava nuove lesioni o infiammazioni.Posso affermare che mi sento molto meglio,ma so che ci vorranno 3 anni per avere una certezza di un esatto benessere !

Roberto

Sono affetto da sclerosi multipla RR dal 1996. Ultimamente dopo diversi nuovi sintomi, a seguito di esami e visite è stata diagnosticato un peggioramento a progressiva. Vorrei sapere se e com posso accedere al nuovo farmaco. Spero di si.

Gianfranco Barban

Mia moglie e ammalata dal 1990 per ora cammina ancora, ma sono i dolori che oramai non passano con niente... Questo Nuovo farmaco può aiutare a levigare i dolori e il campo motorio? Cordiali saluti G. Barban

Antonia Talia

Come possiamo contattarvi?grazie

Antonina Di Maria

Ho iniziato ha Marzo a fare ocrelizumab all'ospedale Giglio di Cefalu' va bene ho trovato sollievo il ho la sclerosi multipla primaria progressiva diagnosticata nel 2012 con la prima dose è andata così così con la seconda si sono ridotte le cadute e riesco a fare cose che prima non riuscivo a fare più

Nina

Io questo farmaco lo sto già  facendo da marzo all'ospedale giglio di Cefalù

Antonina Di Maria

Io questo farmaco lo sto già  facendo all'ospedale san Raffaele di Cefalù

Rosalinda

Buon pomeriggio sono la nipote di uno zio malato di schelosi multipla ormai è allettato e chiedevo se siamo ancora in tempo ...grazie

Vincenzo

Salve a tutti e possibile con questo farmaco inguarire da un emiparesi lato sinistro a causa di un emorragia cerebrale da MAV può riabilitare il lato motorio visto che e parziale lemiparesi che o attendo notizie grazie

Giacomo

Dal 2006 mia cognata e affetto da sclerosi multipla secondariamente progressiva con evidenza di multiple aree sovratentoriali ( nessuna attiva) Grazie in attesa di risposta

Sono Lucia.

Mio marito ha la sclerosi multipla già  da 41anni.Dal 2002 si trova su una sedia a rotelle. Naturalmente la sua malattia è andata avanti e ha mille problemi e in modo particolare la rigidità  che aumenta sempre di più. Vorrei sapere se in questo caso è possibile provare questo medicinale. Grazie

Rosella Pianti

Salve, ho la Sclerosi Multipla RR e, anche se dalle risonanze magnetiche le lesioni appaiono invariate, la mia salute sta nettamente peggiorando. Non faccio al momento alcuna terapia: potrei accedere a questa? Se sì, dove? Qui in Sardegna non viene proposta. Grazie.

samantha collecchi

mia madre malata di sclerosi da 22 anni..in cura con aubagio..come facciamo per iniziare la nuova terapia ??????

Elena Tudorache

Ho il mio figlio 31ani malato di sclerosi multiple usa iniezione AVONEX..da circa un anno abbiamo scoperta...come potette aiutare il mio figlio...sono rumena lavoro in Italia da 13ani !Grazie

Terina

Salve, una carissima amica , sm primaria progressiva, da 20 anni , disabile 100% , può assumere questo medicinale, e se si , potrebbe migliorarli la vita? Grazie mille , attendiamo risposta per favore , siamo alla disperazione

Sabrina Di Forti

Sono affetta dal 1994 da sm diagnosticata nel 1996, perchà© precedentemente ero in gravidanza. sono stata bene fino circa il 2017 ed i neurologi parlavano di una forma lieve. Adesso sono peggiorata (in concomitanza alla menopausa), quindi la mia domanda è : c è una correlazione tra gravidanza, menopausa e sm? p.s. io prendo solo vit. d ogni 15 gg. grazie!

Antonietta

Ma quando arriverà  per tutti che fa andare via anche i dolori perchà© ti fanno tanto soffrire che arrivi ad un certo punto che non c' e la fai più Antonietta

Chiara

Buongiorno, mia madre è malata di sclerosi multipla da circa 40 anni ed è in sedia a rotelle. Volevo sapere se questo farmaco può migliorare la sua qualità  di vita almeno per quanto riguarda i dolori e le contratture. Grazie

Di Salvo Anna Maria

Buongiorno, mio fratello soffre di questa malattia da circa 30 anni. Da 10 anni e già  su una sedia e rotelle . La cura potrebbe fare al suo caso? Grazie

Giusy leone

Buonasera mio marito e un ammalato di sclerosi Multipla nella fase secondariamente progressiva siamo di Campofelice di Roccella provincia di Palermo come facciamo a contattarvi ? Lui fino ad ora a fatto il Beteferon.. grazie in anticipo se mi rispondete

Salvatore

Salve sono la figlia di un padre malato di sclerosi multipla le volevo chiedere se questo farmaco funziona per mio papà . Da premettere che mio papà  e seduto nella sedia a rotelle lo stadio della malattia e all'ultimo stadio grazie

Ibolja

Ho fatto la cura con lemtrada x due anni parere che vada bene ne soffro dal2006

Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.

Ti potrebbero interessare

SeguoNews.it è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Caltanissetta n.235 del 07/06/2013 | P.Iva: 01910630852
.1
Realizzazione Siti web Caltanissetta